Share it

Dayuse, Daybreak o Dayrelax? ‘Questo è il dilemma’, citando Shakespeare. Allora è giunto il momento di fare chiarezza, naturalmente non è una lezione ma un pour-parler.

La prima differenza è assolutamente inerente il tempo per poi passare alla qualità dell’offerta. In mezzo, vi è anche una distinzione di target ovvero la tipologia delle persone che utilizza una o tutte e tre le possibilità.

Dayuse

dayuse daybreak o dayrelax

Il Dayuse è il più diffuso.

Si tratta della fruizione di camere o di appartamenti in Strutture organizzate (ad esempio Il Sentiero Nascosto), in un tempo variabile fra le 2 e 4 ore.

E’ un’offerta di estremo interesse per il target ‘clandestine’, cioè coppie segrete spesso entrambe sposate o conviventi ma che attraversano un periodo di difficoltà anziché di ‘bonaccia’ con i rispettivi e ufficiali partner.

Il Dayuse deve fornire comfort né più né meno di un pernotto convenzionale ma l’accoglienza, il modo di esprimersi e i comportamenti devono differenziarsi.

Per questo target la privacy è estremamente radicale: accoglienza nella discrezione, solo domande relative alla permanenza e illustrare tutto quello che serve loro in Struttura, nel più breve tempo possibile, in forma concisa ed esplicativa.

Dayuse Professional

dayuse daybreak o dayrelax

Ad oggi il Dayuse è utilizzato moltissimo anche da professionisti singoli, uomini o donne.

la loro  necessità consiste nel ripristinare l’ordine, l’accuratezza e la pulizia del proprio vestiario ma anche di rilassarsi prima di un incontro di business, facendo una bella doccia, guardando un film, ascoltando musica e riposando un paio di ore.

Daybreak

dayuse daybreak o dayrelax

Il Daybreak differisce dal precedente per due motivi sostanziali: il tempo e la tipologia di target ma, al contempo, presenta caratteristiche Dayuse.

Il tempo

Anzitutto la permanenza: si articola su almeno mezza giornata, gli ospiti sono in grado di uscire ed entrare in Struttura anche più volte, spesso accompagnano la loro giornata con visite mirate presso location storiche o naturali in zona; oppure uscendo a fare shopping, in questo caso, negli outlet calzaturieri o di leasure wear.

dayuse daybreak o dayrelax

Il target

Udite, udite! I frequentatori non sono solo ‘clandestine’: spesso si tratta di coppie ufficiali, molto giovani, già genitori con il desiderio di ‘rompere la routine’. Da lì il termine anglofono Daybreak.

Hanno voglia di godersi una certa libertà o distacco temporaneo dalle problematiche quotidiane con il fine di ritrovare quella magia che è motore del rapporto. Un’ottima abitudine, credetemi!

Dayrelax

La condizione del Dayrelax è diversa: in questo caso le SPA e i centri benessere, termali, adeguatamente equipaggiati di Struttura alberghiera e ristorativa, sono punti di riferimento indiscutibili.

All’interno troviamo competenze, professionisti in fisioterapia o Ayurveda, location particolarmente complesse e molto ben attrezzate.

Qui il tempo e i target sono indifferenziati e promiscui, non presentano tendenze peculiari.

E Il Sentiero?

Il Sentiero Nascosto si è equipaggiato di vasca idromassaggio ibrida ovvero da interni ed esterni, ad oggi collocata nell’appartamento ‘Ignis’.

Conclusioni

Dayuse, Daybreak o Dayrelax… Spero di aver fatto luce su tipologie apparentemente sinonime l’una dell’altra ma, in realtà,  decisamente diverse.

Vi aspetto al Sentiero, dove la vocazione – oltre al turismo convenzionale – è imperniata su Dayuse e Daybreak.

‘Ognuno ha il suo Sentiero’